SCRIBA CHIUDE I BATTENTI, DUEMILA VISITATORI IN TRE GIORNI

November 20, 2012 § Leave a comment

Tutti in fila per Scriba

Quasi duemila persone che in tre giorni hanno seguito dal vivo gli eventi del festival, migliaia di contatti online, centinaia di tweet che hanno invaso la rete, ma soprattutto tanti consensi per aver creato qualcosa che prima non c’era: un luogo dove confrontarsi e parlare di tutti i mestieri della scrittura, anche quelli meno noti. E’ stata un successo la prima edizione di Scriba, il festival dedicato alle scritture di mestiere che ieri ha chiuso i battenti ma che per tre giorni (da venerdì 16 a domenica 18 novembre) ha avvicinato sempre di più Bologna verso l’obiettivo di diventare capitale della scrittura. Organizzato organizzata dal gruppo di Finzioni (Associazione culturale e Bottega di narrazione) in collaborazione con l’agenzia TheHookCom, Scriba è riuscito a far incontrare all’interno dei luoghi del festival, (le Librerie.coop Ambasciatori e Zanichelli, la Mediateca di San Lazzaro di Savena, la sede di GIMA – IMA Industries – Gruppo IMA a Zola Predosa e il negozio d’abbigliamento ‘La Ferramenta’ in via delle Moline a Bologna) scrittori, sceneggiatori, autori tv e satirici, storici, blogger e parolieri con il pubblico, dando vita durante ogni appuntamento ad un un laboratorio di idee per una nuova riflessione sul tema delle scritture per mestiere.

Un’autentica sorpresa poi è risultato il contest ‘Scrivi a Scriba’, grazie al quale sedici nuovi talenti hanno avuto la possibilità di far leggere e valutare i propri scritti inediti a professionisti della scrittura. Realizzando così uno degli obiettivi di Scriba: quello di costruire un ponte e avvicincare i professionisti della scrittura a un pubblico di appassionati.

“Quello che ci portiamo via dopo tre giorni intensi, ricchi di incontri e di presenza di pubblico, è la  consapevolezza rafforzata di aver avviato un’iniziativa che ha davanti a sé una seria possibilità di radicarsi e di consolidarsi – spiega Piero Di Domenico, direttore artistico di Scriba Festival –  Se oggi sono in discussione le forme della lettura, le scritture di mestiere vantano invece uno stato di salute invidiabile. E l’idea di costruire con ‘Scriba’ un ponte per far comunicare professionisti delle scritture più disparate con un pubblico di appassionati e di curiosi ne esce rafforzato. Come confermano le tante presenze arrivate da altre città a Bologna, perché un evento dedicato al mestiere di scrivere non c’è da nessuna parte. E se Milano e Torino si contendono oggi il ruolo di capitale del libro e della lettura, Bologna può sicuramente candidarsi a diventare il punto di riferimento per chi vuole avvicinarsi alla  scrittura in tutte le sue declinazioni.  Scriba è stato un festival che non è rimasto solo sulla carta o nelle buone intenzioni dei promotori, ma che  si è animato e nutrito della passione di tantissime persone arrivate a Bologna da tutt’Italia”.

“La cosa più importante che è successa a Scriba in questi tre giorni, oltre all’incontro tra le principali scuole di scrittura italiane, da Holden a Luiss Writintg School, dal Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma alla Scuola Gian Maria Volontè, fino alle Scuole di Fumetto  – aggiunge Michele Cogo, membro del comitato scientifico di Scriba e fondatore assieme a Carlo Lucarelli e Giampiero Rigosi di Bottega Finzioni –  è stato il fatto che, grazie ai contest attivati diversi autori esordienti selezionati dalle giurie, hanno avuto l’opportunità di farsi leggere e commentare i propri scritti da professionisti del settore, riuscendo ad ottenere quelle risposte e commenti, che di solito è difficile ottenere dalle case editrici o dalle case di produzione. Mi pare questa, davvero, la spina dorsale sulla quale far crescere il festival nei prossimi anni e che rappresneta il nostro punto di originalità maggiore. Invece che parlare sempre di autori affermati, finalmente ci si legge e ci si commenta dal vivo, tra esordienti e professionisti. Una specie di grande scuola di scrittura dal vivo, per tre giorni”.

Un po’ di numeri: nei tre giorni del festival sono state quasi duemila le persone che hanno affollato gli incontri proposti dal programma proposto da Scriba. Grande successo hanno riscosso il dialogo sul giornalismo d’inchiesta offerto dalla penna del Corriere della Sera Sergio Rizzo, il viaggio nel mondo del teatro del drammaturgo Spiro Scimone, il dizionario analogico di Donata Feroldi e la lezione di Ermanno Cavazzoni, i bugiardini di Martina Monteague e Marcello Fois, le frecce satiriche del trio Luca Bottura, Makkox e Pietro Guerrera, la curiosità delle lettere d’amore a Natalia Aspesi del ghostwriter Marco Cavani, le nuvole di carta del fumettista Vittorio Giardino, le rime e i versi del paroliere Alfredo Rapetti Mogol, i segreti dei format tv di Paolo Taggi, i viaggi di Wu Ming 2 e gli aneddoti letterari e non di Sandrone Dazieri, ma anche la tavola rotonda con le principali scuole di scrittura italiane che ha rappresentato una speciale anteprima del festival.

Centinaia di tweet hanno invaso la rete grazie alla diretta degli eventi del festival andata in onda sul social network Twitter che ha permesso anche a chi non era riuscito a raggiungere Bologna per seguire i tre giorni del festival di non perdersi nemmeno una parola delle curiosità che riguardano il mondo delle scritture di mestiere. Boom di accessi durante i tre giorni della kermesse al sito ufficiale e al blog dove sono stati aggiornati in tempo reale tutti gli appuntamenti. E infine grazie alla pagina Facebook, le parole di Scriba hanno lasciato spazio alle immagini con le gallerie fotografiche che hanno svelato i volti dei protagonisti e del pubblico che insieme hanno animato i luoghi della kermesse.

Successo sorprendente, e non solo per i numeri, anche per l’iniziativa Scrivi a Scriba che aveva il compito di scovare le opere migliori di scrittori esordienti che avessero composto dei soggetti riguardanti proprio le scritture di mestiere all’interno di sei categorie: teatro, televisione, ragazzi, musica, cinema e viaggio. Alla fine i nuovi talenti premiati (su 18 che erano stati scelti per la fase finale) sono stati otto con un ex aequo tra i tre finalisti della sezione teatro. A vincere la prima edizione di Scrivi a Scriba sono stati: Giacomo Grassi con La strega e il folletto per la sezione Cinema, Giuseppe Curcio con L’uomo giraffa per la categoria Musica, Vanessa Navicelli con L’infiltrata per la sezione Ragazzi, Anna Bimbatti (Monologo di un assassino per bene), Luca Caciorgna (Sedici anni), Vasco Rialzo (A buon intenditor) tutti ex aequo per il Teatro, Jacopo Orso Tosco  con Gente da marciapiede per la Televisione e Claudio Comandini con Strade di Fanar per la categoria Viaggio.

“Proprio gli appuntamenti dove gli autori esordienti hanno avuto la possibilità di leggere i propri scritti e di farli valutare in tempo reale dalla giuria formata dai professionisti della scrittura sono stati tra i più suggestivi del festival – conclude il direttore artistico Piero Di Domenico – perché hanno rappresentato in pieno quello che volevamo si creasse con la realizzazione di Scriba: un luogo e un momento dove professionisti e pubblico potessero confrontarsi sulle varie forme della scrittura. E crediamo, anche grazie al contest Scrivi a Scriba, di esserci riusciti perfettamente”.

Un formula vincente, dunque, quella di Scriba che verrà sicuramente riproposta anche il prossimo anno, quando sempre a Bologna, si svolgerà la seconda ezione del festival dedicato alle scritture di mestiere.

SCRIVI A SCRIBA, ECCO I NOMI DEI VINCITORI

November 18, 2012 § Leave a comment

Un ex aequo e cinque vittorie più o meno sul filo di lana. La giuria di Scriba, il festival dedicato alle scritture di mestiere che si è svolto a Bologna dal 16 al 18 novembre, ha scelto i vincitori di ‘Scrivi a Scriba’, il contest che voleva scovare idee e soggetti inediti che avessero come comun denominatore la scrittura di mestiere in sei categorie: cinema, musica, televisione, ragazzi, teatro e viaggi.

E così dopo giorni di attente analisi e riflessioni i testi migliori sono stati premiati durante gli incontri del festival dai protagonisti degli incontri: da Giulio Rapetti Mogol a Wu Ming 2, passando per Spiro Scimone e Paolo Taggi. Ecco i nomi dei vincitori:

Cinema – Giacomo Grassi (La strega e il folletto)

Musica – Giuseppe Curcio (Uomo giraffa)

Ragazzi – Vanessa Navicelli (L’infiltrata)

Teatro –  Anna Bimbatti (Monologo di un assassino per bene), Luca Caciorgna (Sedici anni), Vasco Rialzo (A buon intenditor): ex aequo

Televisione –  Jacopo Orso Tosco  (Gente da marciapiede)

Viaggio – Claudio Comandini (Strade di Fanar)

Adesso gli autori avranno la possibilità di partecipare ad alcune delle lezioni magistrali organizzate dalla Bottega Finzioni, la scuola di narrazione fondata a Bologna da Carlo Lucarelli, Giampiero Rigosi e Michele Cogo.

Nei prossimi giorni pubblicheremo i testi vincitori sul nostro sito all’interno della sezione ‘Leggi’ e su questo blog.

Intanto complimenti a tutti!

ULTIMA GIORNATA DI SCRIBA TRA VIAGGI, VIDEOGAMES E FAVOLE PER BAMBINI

November 18, 2012 § Leave a comment

Dopo il successo delle prime due giornate Scriba,  il festival dedicato alle scritture di mestiere organizzato dal gruppo di Finzioni (Associazione culturale e Bottega di narrazione) si congeda dal suo pubblico con un’ultima giornata ricca di incontri, ospiti e spunti su tutto ciò che ruota attorno al mondo della scrittura. Televisione, letteratura per ragazzi, videogames, saggi storici e racconti di viaggio saranno solo alcuni dei temi che verranno analizzati oggi, domenica 18 novembre a Bologna durante gli incontri in programma e che si svolgeranno tutti all’interno delle Librerie.coop Ambasciatori e Zanichelli, rispettivamente in via Orefici 9 e Piazza Galvani 1/H.  Inoltre saranno svelati i nomi degli ultimi tre vincitori del contest ‘Scrivi a Scriba’ .

 Si comincia alle 10 alla Libreria.coop Amasciatori con l’incontro con Giovanni Francesio (direttore editoriale della casa editrice Piemme) e Mario Pasqualotto (autore, Agatha mistery) e Davide Morosinotto (Le Repubbliche aeronautiche) che parleranno dello scrivere per ragazzi. Durante il dibattito verrà annunciato il vincitore dell’iniziativa ‘Scrivi a Scriba’. Il testo selezionato, scelto tra quelli inviati da Luca Merendi Stanghellini Perilli (Storia da tre parole: rana, luce, cucchiaio), Matteo Modena (La dentiera) e Vanessa Navicelli (L’infiltrata) che si sono guadagnati l’accesso in finale, verrà letto in pubblico e l’autore avrà la possibilità di confrontarsi con pubblico e ospiti.

Un’ora dopo, alla Libreria.coop Zanichelli a partire dalle 11, un vero e proprio tufffo nella storia attende il pubblico di Scriba: Federica Guidi, archeologa, scrittrice e autrice di opere di divulgazione storica come Il mestiere delle armi e Le forze armate dell’antica Roma,  si interrogherà su cosa significhi scrivere saggi storici.

Alle 12, sempre in Piazza Galvani 1/h  Paolo Taggi, il papà televisivo di programmi di successo che hanno fatto la fortuna del piccolo schermo come Domenica In, Turisti per caso, Fantastico, Stranamore,  svelerà al pubblico i segreti del linguaggio televisivo. Sarà proprio Taggi poi a decretare il vincitore della sezione tv di Scrivi a Scriba scegliendo tra i tre finalisti (Giuseppe Curcio con The Crowd, Luca Sotgiu con Punti di vista, e Jacopo Orso Tosco  con Gente da marciapiede) il format televisivo più originale.

Spazio invece ai videogiochi  alle 16 con Ivan Venturi (sviluppatore di videogiochi della TiconBlu che ha da poco pubblicato l’adattamento videoludico di Eymerich l’inquisitore dal romanzo di Valerio Evangelisti) e Marco Di Timoteo (Studio Evil) proveranno a spiegare come nasce e come si scrive un videgame, qual è il linguaggio usato e cosa significa immaginare una sceneggiatura di esseri totalmente virtuali

Alle 17 uno degli eventi più attesi di Scriba: Sandrone Dazieri, scrittore di romanzi di successo, tra cui La cura del gorilla, da cui è stato anche tratto un film che ha avuto come protagonista l’attore comico Claudio Bisio,  si concentrerà sui linguaggi e le tecniche di scrittura di una collana editoriale, sempre alla Libreria.coop Zanichelli.

Chiuderanno la prima edizione di Scriba Festival, alle 18  Wu Ming 2 (autore de Il sentiero degli dei) e Alberto Fiorin  che si confronteranno con il pubblico sul racconto di viaggio, partendo proprio dall’esperienza di Fiorin, accanito viaggiatore in bicicletta che ha macinato migliaia e migliaia di chilometri in giro per il mondo, e che  ha cercato di raccontare le sue sensazioni  in diversi volumi editi dalla casa editrice Ediciclo. Anche in questo caso verrà scelto lo ‘scriba’ vincente della sezione vincente scegliendo tra Claudio Comandini (Strade di Fanar), Leda Ossimori (Il  viaggio), Alberto Piancastelli (Punto celeste). Alle 19 Cristian Vaccari, esperto di comunicazione politica e docente dell’Università di Bologna, proverà a parlare al pubblico su come si costruisce un discorso politico: dalla metodologia utilizzata, ai termini e le immagini proposte.

SATIRA, MUSICA, RADIO E FUMETTI PER LA SECONDA GIORNATA DI SCRIBA

November 16, 2012 § Leave a comment

Si è finalmente alzato il sipario su Scriba,  il festival dedicato alle scritture di mestiere organizzato dal gruppo di Finzioni (Associazione culturale e Bottega di narrazione) che  ha aperto i battenti con la prima delle tre giornate dedicate alle diverse forme e professioni dello scrivere e che trasformeranno Bologna, fino a domenica 18 novembre, in un laboratorio di idee con confronti, dibattiti e inizative totalmente gratuite ed aperte al pubblico.

Dopo la tavola rotonda con le principali scuole di scrittura  d’Italia, l’inaugurazione ufficiale all’interno della Cappella Farnese di Palazzo d’Accursio e gli incontri con i primi professionisti, oggi, sabato 17 novembre, sono in programma altri nove eventi suddivisi tra la Libreria.coop Zanichelli e la Mediateca di San Lazzaro di Savena.

Si comincia alle ore 11 con l’incontro dedicato alle scritture comiche e vignette satiriche che vedrà confrontarsi alla Libreia.coop Zanichelli di  Piazza Galvani 1/h Pietro Guerrera, (autore televisivo di Crozza Italia e sceneggiatore con Antonio Albanese del film Qualunquemente), Makkox (vignettista satirico del quotidano online il Post) e Luca Bottura (autore televisivo per Adriano Celentano, Gene Gnocchi, conduttore radiofonico ed ex redattore della storico settimanale satirico Cuore).

Alle ore 12.30, sempre all’interno della Libreria.coop Zanichelli Fondazione Unipolis e Bottega Finzioni presenteranno un’iniziativa per scrittori esordienti. Walter Dondi, presidente della Fondazione Unipolis, Giampiero Rigosi e Michele Cogo (fondatori della Bottega Finzioni), il presidente della casa editrice Baskerville, Maurizio Marinelli presenteranno Babelit – Scritture senza frontiere, un contest letterario aperto a giovani italiani e stranieri e che avrà lo scopo di selezionare i migliori testi che siano in grado di raccontare il melting pot, il multiculturalismo della nostra società.

Alle 15 poi, sempre in piazza Galvani 1/h, Federico Taddia (conduttore radiofonico e autore per la tv di programmi come Parla con me e Ballarò) parlerà di cosa significa scrivere per la radio. Un’ora dopo, alle 16, sarà  la volta di Marco Cavani, architetto e ghostwriter che ha pubblicato un romanzo realtà (La posta del cuore) che raccoglie tutte le sue lettere spedite a ‘Questioni di cuore’,  la rubrica tenuta da Natalia Aspesi su Il venerdì di Repubblica, utilizzando però identità sempre diverse. E così insieme con l’editor Beppe Cottafavi, cercherà proprio di spiegare come nasce il mestiere di  scrivere una lettera.

Alle 17 spazio alle parole e alla musica con l’atteso incontro con Alfredo Rapetti Mogol, figlio del celebre Giulio,  paroliere delle canzoni di maggior successo di Raf e Laura Pausini. Durante l’incontro verrà scelto e letto al pubblico il testo inedito che ha partecipato all’iniziativi ‘Scrivi a Scriba’ che era alla ricerca di idee mai pubblicate che riguardassero proprio le scritture di mestiere.

Sempre alle 17, ma questa volta all’interno della Mediateca di San Lazzaro di Savena, Janna Carioli (autrice del programma Rai La  Melevisione), Mario Bellina (l’Albero Azzurro, Rai2) e Daniele di Ubaldo (autore di antologie didattiche) dialogheranno sul mestiere di scrivere per ragazzi: favole, racconti per bambini ma non solo.

La seconda giornata di Scriba proseguirà poi con altri tre incontri: alle 18  Vittorio Giardino (fumettista e autore di Sam Pezzo e Max Fridman) alla Libreria.coop Zanichelli parlerà di come si scrive un fumetto, quali sono le tecniche e i segreti per riuscire a costruire storie e ‘nuvole’ di successo. Alle 19, invece,  Roy Menarini (critico cinematografico) e Massimo Gaudioso (sceneggiatore tra gli altri di Gomorra e Reality di Matteo Garrone) si confronteranno su come scrivere di cinema, tra critica e sceneggiatura.

Chiusura, alle 20.30, con Simone Sbarbati, autore del blog di moda www.frizzifrizzi.it, che all’interno del negozio di abbigliamento e design ‘La Ferramenta’ di via delle Moline svelerà le tecniche per scrivere e gestire un blog incentrato esclusivamente sulla moda.

SI ALZA IL SIPARIO SU SCRIBA: TRE GIORNI DI INCONTRI SUI MESTIERI DELLO SCRIVERE

November 16, 2012 § Leave a comment

L’attesa è finita. Da oggi e per tre giorni Bologna si trasformerà nella capitale della scrittura grazie alla prima edizione di Scriba,  il festival dedicato alle scritture di mesteire organizzato dal gruppo di Finzioni (Associazione culturale e Bottega di narrazione) in collaborazione con l’agenzia TheHookCom, che si svolgerà tra Bologna, San Lazzaro di Savena e Zola Predosa nelle giornate del 16, 17 e 18 novembre 2012.  Tre giorni di incontri, dibattiti e confronti per dare voce a tutte le professioni della scrittura, spesso ignorate da altre manifestazioni ed eventi culturali.

Sarà un festival innovativo, non incentrato sulla letteratura ma il primo in Italia ad occuparsi dei diversi mestieri dello scrivere. In un momento dove tutto diventa virtuale, anche le comunità di scrittori, Scriba vuole essere un punto di incontro, di condivisione e di riflessione, trasformandoBologna per tre giorni in un laboratorio di idee per una nuova riflessione dal vivo sul tema delle scritture per mestiere. Un luogo dove incontrare chi pratica la scrittura come mestiere, nelle sue varie forme, anche quelle meno note. Esperti e pubblico si confronteranno, all’interno dei luoghi del festival, non solo su come si scrive un romanzo, un’antologia per studenti, un blog, il testo di una canzone o di un film ma anche su come nascono alcuni strumenti che fanno parte della vita di tutti i giorni, come i foglietti illustrativi contenuti nelle scatole di medicinali.

L’apertura ufficiale dei lavori di Scriba avverrà oggi alle 15 nella Cappella Farnese di Palazzo d’Accursio e sarà affidata a Michele Cogo (scrittore e fondatore di Bottega Finzioni), Piero Di Domenico (direttore del festival), Carlo Lucarelli e Marcello Fois (entrambi membri del comitato scientifico di Scriba). L’incontro sarà preceduto alle 11, sempre all’interno della Cappella Farnese, da un confronto tra le più importanti scuole di scrittura presenti in Italia e che presenteranno al pubblico le loro attività: la scuola di scrittura “Omero” di Roma, la “Scuola Internazionale di Comics” di Reggio Emilia,  la “Scuola di Fumetto Online” di Roma,  la scuola di scrittura “Holden” di Torino, la “Luiss Writing School” di Roma e la scuola d’arte cinematografica “Gian Maria Volontè, Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia” di Roma, oltre al laboratorio di scrittura creativa dello scrittore Gianluca Morozzi.

La giornata inaugurale di Scriba proseguirà alla Libreria.coop Ambasciatori dove sono in programma diversi incontri: alle 17 la presentazione del Dizionario analogico della Lingua Italiana di Donata Feroldi, con l’autrice e lo scrittore Ermanno Cavazzoni che in un intervento video leggerà il brano Conferenza analogica, alle 18 con l’incontro con l’attore e drammaturgo Spiro Scimone (Medaglia d’oro per la nuova drammaturgia nel 1995  e premio Ubu nel 1997) che parlerà della scrittura teatrale, e alle 19 con la ‘lezione’ sul giornalismo d’inchiesta da parte di Sergio Rizzo, penna del Corriere della Sera che presenterà al pubblico il suo ultimo libro, Razza Stracciona, edito da Rizzoli. Alle 18.30, invece, alla Libreria.coop Zanichelli spazio alla  scrittura e recensione di bugiardini con la blogger Martina Montague e lo scrittore Marcello Fois.

A Zola Predosa, invece, alle 17 nella sede di GIMA – IMA Industries – Gruppo IMA, Giampiero Rigosi, Michele Cogo, Piero Di Domenico e Carlo Lucarelli parleranno dell’ideazione e della realizzazione di un festival all’interno di un’azienda e racconteranno l’esperienza di Bottega Finzioni, la scuola di narrazione nata a Bologna nel 2011.

Tutti gli appuntamenti sono gratuiti e aperti al pubblico e saranno gestiti da aspiranti scrittori, gli allievi della Bottega Finzioni, che dialogheranno e si confronteranno con gli ospiti durante le tre giornate del festival. Inoltre Scriba sarà seguito in diretta, oltre che sul social network Twitter (attraverso l’hashtag #Scriba).
Vi aspettiamo!

PILLOLE DI SCRIBA: JANNA CARIOLI E LA CATTIVA TV PER RAGAZZI

November 15, 2012 § Leave a comment

Janna Carioli (co-autrice de La Melevisione, Rai) parla di come dovrebbe essere scritto un programma in tv per i ragazzi. Vieni ad ascoltarla a Scriba, il festival delle scritture di mestiere, sabato 17 novembre alla Mediateca di San Lazzaro di Savena (alle ore 17).

Sfoglia il programma degli eventi

PILLOLE DI SCRIBA: FOIS E LA SERIETA’ LETTERARIA DEI BUGIARDINI

November 14, 2012 § 1 Comment

“Colleghi scrittori, vi consiglio di prendere molto sul serio questi linguaggi apparentemente dissonati e disarticolati”. Marcello Fois parla dei linguaggi specialistici e dei bugiardini. Se volete saperne di più vi aspettiamo venerdì 16 novembre a Scriba,  il primo  festival dedicato alle scritture di mestiere che si terrà a Bologna. Appuntamento alle 18.30 alla Libreria.coop Zanichelli di Piazza Galvani 1/H con Martina Montague

Guarda il programma del festival

Where Am I?

You are currently viewing the archives for November, 2012 at ScribaFestival.